10 Requisiti legali per aprire la propria attività
  • Secondo le ultime informazioni la ricerca SEBRAE (Servizio di supporto per le piccole e medie imprese) e GEM (Global Entrepreneurship Monitor) il 44% dei giovani brasiliani sogno di aprire il proprio business l'opportunità di vedere se stessi. Ma un decennio e mezzo la motivazione della maggior parte delle persone che hanno aperto un commercio è stato di necessità, cioè, hanno perso l'occupazione e la cessazione ha ricevuto era appena apertura di un'impresa, o perché avevano un sogno di essere il capo o no inserimento lavorativo

  • SEBRAE ha studiato diversi di questi casi e la conclusione è stata che nei primi due anni oltre il 30% di queste società ha chiuso, in tre anni il 38%, in cinque anni chiuso il 71%. La conclusione di questo studio è stata che la preparazione e la pianificazione dell'imprenditore sono stati i fattori di maggiore impatto.

  • Sulla base di questa ricerca e della mobilitazione di vari organismi come SEBRAE, ONG e autorità pubbliche, sono state proposte e approvate leggi per incoraggiare l'imprenditorialità in modo da invertire questa situazione. Oggi è molto più facile e sicuro aprire la propria attività.

  • Descriviamo in dettaglio i passaggi chiave per avviare un'impresa. È essenziale mettere la tua idea sulla carta sotto forma di un piano aziendale, che consiste in:

    • Ricercare il mercato, scoprire le esigenze dei clienti.

    • Definire il tipo di attività.

    • Conoscere concorrenti e fornitori.

    • Definire il capitale di investimento.

    • Definire il capitale circolante.

    • Definire la posizione.

    • Definire il capitale umano.

    • Definire la fonte di risorse: proprie, partner o investitori.

  • Con il piano aziendale in mano, siamo partiti per la parte burocratica del business. Fondamentalmente, ci sono 10 passi per aprire l'azienda.

  • Fare clic qui e vedere il volantino SEBRAE PN.

  • 10 PASSI PER APRIRE UN BUSINESS

  • 1) FATTIBILITÀ

  • verificare con il Comune la fattibilità del sito, prima ancora di istituire l'azienda - utilizzare per uso del suolo. A volte il punto che hai scelto non è una zona per lo shopping o qualche tipo di attività non è consentita.

  • 2) TIPO DI AZIENDA

  • conoscere la classificazione del proprio settore, in base alla fatturazione definita nel piano aziendale dell'azienda. I più comuni sono:

    • Imprenditore individuale (EI), fatturazione = R $ 0,00 fino a R $ 60.000,00 anno.

    • Microimpresa (ME), fatturazione = R $ 60.000,00 fino a 360.000,00 anni.

    • Piccola impresa (EPP), fatturazione = R $ 360.000,00 fino a R $ 3.600.000,00 anno.

  • Ogni tipo di società richiede diversi obblighi e documentazione da fornire.

  • 3) IMPRENDITORE INDIVIDUALE

  • L'imprenditoria individuale può essere aperta direttamente sul portale dell'imprenditore. Non hai bisogno di un servizio di contabilità, i benefici dalla tassazione nazionale di Super Semplice con un pagamento unificato di ICMS = R $ 1,00 e INSS = 5% del salario minimo nel caso dell'industria e del commercio, se i servizi che forniscono pagamento di tale imposta + INSS + R $ 5,00 dalla ISS.

  • 4) AZIENDA DI PICCOLE IMPRESE E MICROINDERENZE

  • nella microimpresa (ME) e nella piccola impresa (EPP) è obbligatorio che l'apertura avvenga tramite un commercialista. Per quanto riguarda la ricarica è classificato nella semplice nazionale che unifica in un unico fiscale tutti gli altri che sono la responsabilità di questo tipo di società, sarebbero: IR, PIS, COFINS, INSS, ICMS e IPI. In questi casi, la percentuale varia dal 4% all'11%, ciò dipende dalla fatturazione dell'azienda. È importante notare che non tutti i tipi di società possono scegliere i fornitori di servizi semplici, principalmente, in questo caso, il ragioniere può aiutare. ) 5) SCHEDA COMMERCIALE

  • dopo aver definito quale tipo di azienda, arriva a parte del record di esso, più o meno come un "certificato di nascita" dell'azienda. Questo risultato è ottenuto dal Commercial Board, che registra tutte le società aperte. I seguenti documenti, che sono già stati preparati dal contabile, devono essere presentati al Registro di commercio:

  • Contratto sociale, documento che descrive l'aspetto sociale e oggettivo dell'azienda.

    • RG E CPF di ciascun partner (autenticato).

    • Completamento della FCN (National Register Card).

    • Pagamento delle tasse DARF.

    • 6) CNPJ - Registro nazionale delle persone giuridiche

  • con l'autorizzazione del Consiglio di commercio, l'imprenditore riceverà il NIRE (numero di identificazione della società). Con NIRE, l'imprenditore eseguirà l'accesso per ottenere il CNPJ (Registro nazionale delle entità giuridiche). Questa registrazione è effettuata solo tramite internet sul sito web dell'IRS. Il sito presenterà i documenti necessari che devono essere inviati da Sedex o presentati di persona.

  • 7) ALVARÁ OF OPERATION

  • con il CNPJ in mano, l'imprenditore deve recarsi in municipio e richiedere il permesso operativo che è la licenza per operare come commercio, industria o servizio nel comune. La documentazione richiesta include la compilazione del modulo fornito dal municipio, dal CNPJ e dal contratto sociale.

  • 8) ISCRIZIONE DEGLI STATI

  • La registrazione statale viene solitamente effettuata presso il Dipartimento del Tesoro dello Stato. Questa registrazione è obbligatoria solo per le aziende che svolgeranno attività di commercio, industria, intercity e trasporto interstatale. Questa registrazione è necessaria per la registrazione con ICMS (tassa sulla circolazione delle merci).

  • 9) REGISTRAZIONE IN SICUREZZA SOCIALE

  • è un registro necessario, anche se la società non ha dipendenti. L'imprenditore deve recarsi presso l'Agenzia per la sicurezza sociale, la scadenza è di trenta giorni dopo l'inizio delle attività.

  • 10) NOTA FISCALE

  • Questo è l'ultimo passo in modo che l'imprenditore possa aprire definitivamente le porte e mettersi al lavoro. È necessario richiedere l'autorizzazione per la stampa delle fatture e l'autenticazione dei libri contabili. La richiesta è fatta nel municipio nel caso di società di servizi. Le aziende che lavorano nel commercio o nell'industria devono richiedere l'autorizzazione al Dipartimento del Tesoro di Stato.

  • Ricordando che l'Imprenditore Individuale (IE) non ha l'obbligo di emettere una fattura, ma, se necessario, è possibile, seguendo la stessa procedura di cui sopra.

  • Essere un imprenditore è molto più che aprire un'attività, essendo un imprenditore che ha una visione sistemica del business e del mercato, conoscendo i tuoi clienti e concorrenti, dando priorità alla qualità e alle scadenze. Essere resilienti e disposti ad innovare e migliorare i processi.