Come acquisire la forza di volontà per trasformare le nostre vite in meglio
  • Il più delle volte, quando commettiamo errori, ci sentiamo tristi e scoraggiati, ci discreditiamo e ogni giorno affondiamo sempre più negli errori. Ci devono essere spesso gravi errori possono essere una cattiva abitudine o comportamento che non ci ricordiamo quando abbiamo iniziato ad avere e che ci dà fastidio, ma quando ci rendiamo conto che hanno già fatto o parlare e ogni giorno che passa e gli insuccessi costanti abbiamo sentirsi più triste e questo può portarci alla disperazione. Questa tristezza non è benefica, questa tristezza è distruttiva. Dobbiamo stare male per i nostri errori e le nostre mancanze, ma la tristezza "buono" devono portarci ad agire, sì, ci comportiamo a nostro favore, a poco a poco cambiando il nostro atteggiamento, in mancanza di sì, ma mai rinunciare a noi stessi.

  • La prima cosa che facciamo quando commettiamo un errore è di gemere e chiudere, scoraggiare e spesso piangere. Ovviamente non dovremmo essere contenti dei nostri errori, ma non possiamo permettere che siano più grandi di noi stessi e della nostra capacità di cambiare e migliorare. Dovremmo chiedere perdono se offendiamo qualcuno e correggiamo la colpa, se possibile, e poi con una preghiera nel nostro cuore camminiamo di nuovo.

  • Un giorno, quando mia figlia di tre anni stava correndo lungo la strada sterrata e le rocce nella mia casa, cadde. Ero preoccupato perché indossava pantaloncini e pensavo di aver ferito. Ero un po 'lontano, così mi sono imbattuto per aiutarla, ma quando lei era venuta era in piedi, battendo le manine sul suo ginocchio e dicendo: "E' stato nulla, va tutto bene, va tutto bene!" Ma quando guardai la sua gamba stava facendo un po 'di sangue. Naturalmente ho detto che dovevamo lavarci e lei ha accettato con un po 'di cattiva volontà. Non appena mi sono lavato, mi sono asciugato e ho infilato la medicina, lei ha detto: "Posso andare? Sto bene!" Ho appena acconsentito e lì è corsa di nuovo. Di notte pensavo a noi adulti. Le nostre cadute sono diverse, ma viviamo anche cadendo nella vita e la mia impressione è che siamo lasciati lì sdraiati, maledicendo le pietre, la scarpa o qualunque cosa invece di alzarsi, soffiare polvere e camminare di nuovo.

  • Possiamo porci alcune domande per valutare se la nostra tristezza è buona o cattiva per noi:

    1. Se cadiamo in strada, ci lasceremo cadere lamentandoci? Allora perché quando commettiamo errori, ci lasciamo andare alla disperazione?

    2. Se qualcuno è triste intorno a noi, siamo tristi anche noi?

    3. Ogni volta che falliamo, cerchiamo di correggere i nostri errori o ci limitiamo a sgranocchiare la nostra stessa spazzatura?

    4. È più facile criticare o complimentarsi a vicenda? Pensiamo sempre che siamo peggio di altri? Vediamo difetti in tutto e tutti?

    5. Ammettere gli errori e chiedere perdono è facile?

    6. suggeriamo alcuni modi per rendere la tristezza essere nostro alleato nel nostro sforzo per acquisire la forza di volontà necessaria per trasformare la nostra vita in meglio:

    7. essere triste quando facciamo errori

  • essere triste per i nostri errori, ma non fino al punto di disperazione, ma fino al punto di correggere noi stessi.

  • Agire per nostro conto

  • Risolviamo rapidamente il problema, chiediamo perdono se necessario, correggiamo ciò che è stato rotto o colpiamo qualsiasi cosa che debba essere risolta il più rapidamente possibile; essere i nostri migliori amici e quindi evitare sofferenze inutili per noi stessi e l'angoscia che un problema mal risolto ci porta.

  • Posso dire per esperienza che chiedere perdono prontamente porta grande pace ed evita di ferire sentimenti e pensieri tumultuosi. All'inizio è molto difficile, ma con l'allenamento diventerà facile e porterà una pace inspiegabile.

  • Accetta

  • Non pensare che siamo peggio di nessuno, ognuno è unico e speciale, ha difetti e qualità. Riconoscere i nostri difetti è importante, ma vedere anche le nostre qualità è importante.

  • Perdona

  • Se commettiamo errori, dobbiamo perdonare noi stessi e dimenticare l'errore. Non dimenticare il modo giusto di agire la prossima volta, ma non lasciare che l'errore si preoccupi e ferisca mentre anche chi è stato danneggiato ha già perdonato e dimenticato.

  • Cercate il Signore, cercate il bene

  • In mezzo a tanti problemi e una vita impegnata, la ricerca di Dio viene spesso messa da parte, ma la fede è fondamentale per trasformare le nostre vite in meglio. Molte domande possono sorgere e ogni volta che trovo importante prestare attenzione a quello che ha detto l'aviatore Dieter F. Uchtdorf :.

  • "Per favore, mettere in dubbio i vostri dubbi prima di dubitare della sua fede, dobbiamo mai permettere dubbio per imprigionare e ci impediscono di ricevere l'amore divino, la pace e i doni che vengono attraverso la fede nel Signore Gesù Cristo. "

  • Fare bene e fare del bene non può che portare cose buone nella nostra vita. Mentre accadono cose cattive, la nostra coscienza e il nostro cuore saranno

  • Siamo felici, anche in mancanza, essere grati e apprezzare le cose buone che accadono quotidianamente nella nostra vita e così vedremo tranquillamente che il cambiamento avviene, non un cambiamento improvviso, ma graduale e quotidiano.